Statuto

Con il decreto legislativo n. 178 del 28 settembre 2012 coordinato dalla legge 125/2013, c.d. decreto di riordino della Croce Rossa Italiana, si sono, gettate le prime basi per la creazione di una struttura di diritto privato idonea a conferire dinamicità alla CRI e che, assicurando vantaggi alle sue strutture, sia in grado di affrontare le sfide del territorio, progressivamente riducendo e via via eliminando aree di inerzia e passività nella gestione delle attività tipiche del sistema pubblicistico. Inoltre con l'approvazione degli ultimi regolamenti dei Volontari della Croce Rossa Italiana si è usciti dalla logica delle componenti, le quali avevano, ad oggi, esaurito il ruolo per il quale erano nate. Oggi, esistono, quindi, i Volontari della Croce Rossa Italiana, oltre alle due componenti ausiliarie delle forze armate: Corpo Militare ed Infermiere Volontarie. A partire dalla data del 01/01/2014 i Comitati Locali di tutto il territorio italiano sono diventati Enti privati di interesse pubblico. L'Associazione è di interesse pubblico ed è ausiliaria dei pubblici poteri nel settore umanitario, nonché posta sotto l'alto Patronato del Presidente della Repubblica. Il nostro Comitato Locale ha firmato il nuovo Statuto dinnanzi al Notaio incaricato in data 15/09/2015 a Roma, successivamente registrato a Roma il 16/09/2014 al n.22816 serie 1T.

Clicca qui per scaricare il file pdf con il nostro statuto.

Clicca qui per scaricare il file pdf con il documento che tratta dell'organizzazione e della formazione e di ciò che riguarda i Volontari.